Doom Eternal — La recensione

Adoro gli FPS.

Sono forse il genere a cui sono più affezionato e devo dire di averli più o meno giocati se non testati tutti. Perlomeno quelli più famosi. Quake, Shadow Warrior, Halo, COD, Wolfestein, Unreal, Serious Sam e ovviamente Doom.

Benvenuti all’inferno

Per pigrizia o per via del back log enorme da completare non ho ancora terminato il capitolo del 2016, mentre, complice anche questa quarantena forzata ho giocato questo nuovo capitolo, Doom Eternal, nelle pause pranzo e nei ritagli di tempo dopo cena.

E forse è stato un bene. Doom Eternal è un gioco estremamente veloce, frenetico, che impone concentrazione massima in un limitato periodo di tempo. Almeno per me.

Poco male se come me abbiate abbandonato il titolo precedente a metà, i punti di contatto sono pochissimi e quindi ci può immergere immediatamente nell’azione. Del resto la trama in tutti i DOOM è sempre contata come il due di picche. Tuttavia un briciolo di tentativo nel raccontare una storia c’è e va sottolineato, solo vi toccherà leggere le molte pagine di diario raccolte qui e là. Solo allora la narrazione, anche ben scritta, prenderà forma e senso.

Le prime tre ore di run sono state dubbiose. Forse perché arrivavo da God of War, da poco terminato, o forse perché Destiny mi ha ormai traviato la mente, ma continuavo ad approcciarmi a questo capitolo di Doom cercando di costantemente interagire con l’ambiente circostante, provando ad avanzare passo passo verso l’obiettivo e cercando di soffermarmi sul level design per cercare di recuperare questo o quel tesoro nascosto.

Ma l’immobilità in Doom Eternal porta a morte certa.

Ripulita l’area, i livelli strutturati a piattaforma appaiono su una comoda mappa 3D sempre accessibile e consultabile. Molto comoda per ritornare in run successive a recuperare le moltitudini di collezionabili a disposizione (vecchi dischi in vinile, floppy e molto altro ancora).

In questa incessante danza dove fermarsi è vietato, il nostro Slayer è chiamato a salvare il mondo da forze demoniache approdate sulla terra. E mentre arriveremo a varcare la bocca dell’inferno il nostro personaggio avrà la possibilità di potenziare le proprie abilità, altrimenti dette Maestrie. Quest’ultime raggiungibili grazie all’utilizzo prolungato di una determinata arma, o un’azione prolungata compiuta con essa. Ci sono anche potenziamenti secondari ottenibili con oggetti da raccogliere nelle ambientazioni, come ad esempio le rune in grado di agire sulle capacità motorie del nostro personaggio.

C’è un’ampia sezione multiplayer del gioco, alla quale però non credo mi affaccerò mai e pertanto non ne parlerò qui. Non perché non ne abbia voglia, ma perché la mia connessione non mi permette di essere sufficientemente competitivo e perdere a causa dei mezzi tecnologici impari mi mette un po’ di prurito alle mani.

Conclusioni

Doom Eternal si dimostra un gioco estremamente godibile, divertente, ma soprattutto ignorante. Con una colonna soronna sopraffina grazie alla quale diventa quasi un piacere sbarazzarsi delle creature demoniaci.

Sono andato per curiosità a leggermi le recensioni di metacritic e come sospettavo le impressioni degli utenti abbassano un po’ quanto scritto dalla stampa. Evidentemente Doom Eternal non è un titolo per tutti e non potrà soddisfare le esigenze di chi arriva da situazioni maggiormente strutturate, leggasi Destiny.

Scordatevi pertanto di interagire con l’ambiente circostante se non guidati da aiuti visuali. In Doom Eternal si entra, si ricarica l’arma e si spara a tutto quello che si muove. Bisogna però farlo con intelligenza e preparazione tattica. L’arma giusta al momento giusto, spezzare in due il nemico con la motosega per poter ricaricare le munizioni delle altre armi, muoversi senza sosta per sopravvivere.

Menzione particolare va fatto alla maturità raggiunta dall’id Tech 7, motore di gioco sopraffino e ancorato ai 60fps su Xbox One X.

Che dire, Doom Eternal arriva al momento giusto. Un gioco catartico per poter sfogare la propria noia a suon di ossa spezzate dalla vostra furia scatenata sui vostri pad.

Buon gioco.

★★★☆