Un nuovo inizio

Perché altrimenti ci annoiamo troppo.

Ho aperto il mio primo blog nel 2007. A conti fatti sono 14 anni che riempio il web di cazzate. E per quante ne abbia dette, sono state sempre intervallate da lunghe sessioni di profonda indecisione circa la piattaforma da utilizzare, ma soprattutto il suo design.

Ho imparato i rudimenti HTML e CSS per poterlo visualizzare più o meno come l’avevo in testa, ma senza mai riuscirci al 100%. E questo mi lasciava sospeso, in un vuoto costante alla ricerca di una perfezione inesistente.
Sì, perché la perfezione non esiste. È l’espressione della soggettività per eccellenza e quando finalmente lo capisci, togli la carta velina dalla realtà e ti soffermi a gustare il significato più profondo delle cose, buttando alle ortiche il significante.

E quindi? Quindi ad un certo punto chi se ne frega della piattaforma, chi se ne frega del layout, del colore del menu o della larghezza del footer.
Mi sono chiesto cosa mi interessasse davvero. E la risposta è stata di una semplicità imbarazzante.

Aprire un editor, scrivere le mie cazzate, publish. Fine.

Come ogni inizio anno ho fatto il giro delle sette chiese, Squarespace, WordPress, Ghost, Svbtle, Write.as, e infine Medium. E qui mi sono fermato. Lo scorso ottobre è stato annunciato un rinnovamento della piattaforma, prettamente orientata al blogging e alla semplicità d’uso, con anche il prossimo ritorno della possibilità di utilizzare i domini personalizzati.

La piattaforma che utilizzavo in precedenza è Squarespace, che adoro badate bene, e continuerò ad utilizzarla come frontpage personale sul web con il dominio https://andrea.co. Tuttavia da qualche anno ha abbandonato la visione originaria di piattaforma dedicata ai blog, virando sull’ecommerce e aggiungendo inutile complessità sia all’editori che alla sua customizzazione. Con WordPress ci ho provato, davvero, ma ogni volta cedevo il passo all’occhio estetico, agli odiosi plug-in che chissà perché sono così necessari per mandare avanti la baracca. E allora via verso Ghost e le sue promesse di privacy e libertà lanciate a 200 km/h verso quel muro chiamato sviluppo con il quale è inevitabile scontrarmicisi.

E allora perché no. Perché non dare una chance a questo luogo dove bastano due clic per postare un contenuto e non devi pensare a nient’altro? Dove hai quel minimo di personalizzazione minimale (perdonatemi il gioco di parole) al quale posso caricare ogni giustificazione possibile per liberarmi dal giogo della perfezione grafica.

Ma serviva un’altra svolta. Non perdere sì i vecchi contenuti, ma cambiare il nome. Lo sentivo, non chiedetemi perché. Nella mia eterna indecisione improvvisamente un fulmine a ciel sereno.

Go With The Flow incarna il mio stile, il mio modo di pormi nei confronti della vita. Un pregio e un difetto allo stesso tempo, il mio scudo e la mia spada. E dopo aver importato a mano i 263 post a me più cari di questi 14 anni, ho registrato gwtf.it. La mia nuova casa. Al momento l’opzione domini personalizzati non è ancora attiva, quindi il sito funziona solo come un puntamento verso medium.com/gwtf, ma tanto mi basta.
Avevo optato anche per go.wtf, ma il proprietario mi ha chiesto quasi 20k $ e allora ho evitato.